fbpx

Oltre 100 anni di bontà

1911-1921

La lunga storia di passione di Colussi ha inizio nel 1911, quando il fondatore Angelo decide di aprire una piccola fabbrica dolciaria a Venezia, di soli 18 operai: la sua specialità diventano i baicoli, biscottini della tradizione veneziana. L’amore sincero per il suo lavoro lo portò a non fermare la produzione neppure durante la Prima Guerra Mondiale, se non per un breve periodo dopo Caporetto, quando gli Austriaci sembravano sul punto di raggiungere Venezia. Angelo è giovane, pieno di idee e non vede l’ora di mostrare a tutti di che pasta è fatto.

1921-1931

Angelo guarda all’innovazione tecnologica, e già negli anni ’20 riesce a portare nella fabbrica macchinari d’avanguardia: un nuovo forno, due camere di cottura e impastatrici. Arrivarono così a produrre oltre il quintale di biscotti all’ora, un enorme risultato per l’epoca! Il biscottificio dà ora lavoro a 50 operai e inizia ad affermarsi come realtà locale. Angelo ha una grande propensione ad anticipare i tempi e vuole sempre superare se stesso: ad ogni obiettivo raggiunto alza l’asticella.

1931-1941

Negli anni ’30 Angelo rende l’offerta Colussi sempre più varia con panettoni, wafer e piccola pasticceria, e i suoi prodotti sono ormai distribuiti anche fuori dal Veneto. Il fondatore Angelo è finalmente soddisfatto e pronto a passare il testimone al figlio Giacomo: ancora prima che terminasse gli studi, gli affida la gestione di una nuova fabbrica di biscotti a Vittorio Veneto. Giacomo sa che è una grande responsabilità e vuole ripagare la fiducia del padre proponendo nuove idee.

1941-1951

Gli anni della Seconda Guerra Mondiale mettono a dura prova Giacomo: con gli uomini impegnati nel fronte scarseggia la mano d’opera e reperire le materie prime diventa sempre più difficile. Ma, finita la guerra, è tempo per ripartire, crescere, ricominciare a vivere i propri sogni. Giacomo così decide di dare vita a una nuova attività in Umbria, una regione verde, il centro ideale della penisola da cui raggiungere tutta Italia. Nasce così nel 1949 la Colussi Perugia. I fratelli Alberto e Sandro restano invece a gestire gli impianti al nord, sotto il marchio Colussi Milano.

1951-1961

Il 1955 è un anno fondamentale nella Storia della Colussi: nasce il GranTurchese, il frollino che conquista gli italiani. Sono gli anni del boom economico, e cresce anche la richiesta di prodotti da forno nuovi che sostituiscano la classica fetta di pane e marmellata. Giacomo si fa trovare pronto, e l’ispirazione per il GranTurchese gli viene da un viaggio fatto anni prima al museo di Pompei: là aveva visto uno stampino di epoca romana dalla singolare forma rotonda e reticolata. E proprio a questa speciale forma si deve il successo del frollino con i buchi, perfetto per essere tuffato nella tazza del latte.

perche' il nome GranTurchese?

Nel progetto originario, doveva far parte di una linea di frollini con i nomi ispirati alle gemme, tra cui anche il GranRubino, ma solo il GranTurchese riuscì a conquistare veramente gli italiani.

1961-1971

Gli anni ’60 sono gli indimenticabili anni di Carosello, che scandisce l’ora della nanna per gli italiani con spot rimasti memorabili. Per Colussi vengono creati gli spot “Gli amici di Gioele”, animaletti fantastici che cantavano la bontà dei frollini Colussi. La Tartaraffa, il Coccofante, o il Visonmuccolpe a volte interagivano anche con dei bambini in carne e ossa, una novità assoluta nelle animazioni di quegli anni. Il jingle “Viva viva gli indiscussi, di Perugia Biscolussi, Umpa umpa umpa-pà” diventa così famoso che furono lanciate anche le figurine dedicate al gufo Gioele e ai suoi amici. Negli stessi anni, Colussi punta anche sul creare un packaging elegante e colorato, offrendo delle scatole di latta ancora ambite da tutti i collezionisti del mondo.

1971-1981

Negli anni ’70 continua il grande successo di Carosello e del GranTurchese, con spot sempre originali e divertenti. Nel frattempo, al padre Giacomo si affianca il figlio Angelo, ancora oggi Presidente del Gruppo Colussi. Padre e figlio, lavorando insieme, danno avvio a una nuova fase caratterizzata dalla diversificazione dell’offerta. Angelo comprende che è necessario ampliare la gamma delle specialità Colussi per soddisfare i bisogni di tutti gli italiani.

1981-1991

Negli anni ’80, Angelo dà avvio alla produzione di nuove linee, come quella di cracker e fette biscottate. Il suo obiettivo principale è di trovare l’equilibrio perfetto tra gusto e benessere, cercando di proporre prodotti genuini e bilanciati dal punto di vista nutrizionale. Angelo mira anche a costituire un grande Gruppo capace di anticipare i trend alimentari e proporsi anche al mercato internazionale.

1991-2001

Prima del nuovo millennio, Angelo finalmente riunisce anche gli stabilimenti di Milano e Vittorio Veneto con quello di Perugia in un unico grande Gruppo Colussi. In questi anni esce anche un altro celebre spot dedicato al GranTurchese: un bambino seduto al tavolo della colazione assiste alla sfilata di biscotti che promettono leggerezza, genuinità o gusto, ma sono il GranTurchese supera la prova dell’inzuppo. Il jingle recitava: “GranTurchese ce n’è uno, come lui non c’è nessuno!” ma SOLO GranTurchese supera la prova dell’inzuppo.

2001-2011

L’offerta Colussi cresce sempre di più, cercando di venire incontro alle esigenze di benessere dei consumatori. Nel 2005 nasce la linea Gusto Leggero, biscotti, merendine e fette biscottate senza zuccheri aggiunti, per soddisfare il desiderio di leggerezza ma senza rinunciare al gusto. Nel 2011 il mitico GranTurchese esce nella golosa versione al cacao: l’obiettivo è unire tradizione, qualità e bontà, portandoli non solo in Italia ma in tutto il mondo.

2011-2021

Con lo stesso spirito pioneristico che ne ha caratterizzato la storia, Colussi guarda avanti e debutta con il nuovo claim «Dal 1911, buoni in tutti i sensi». Ricerca, innovazione e attenzione al consumatore sono alla base delle novità che coinvolgono il mondo Colussi, per rendere la prima colazione sempre più gustosa ma soprattutto «buona in tutti i sensi». Infatti nel 2016 Colussi elimina l’olio di palma, nel 2017 sostituisce la farina 00 con farina poco raffinata di tipo 2, nel 2018 la farina poco raffinata diventa 100% italiana.
In più Colussi nel 2020 decide di debuttare con i due nuovi GranTurchese Più, preparati con farina da filiera 100% italiana.
I due GranTurchese Più sono due varianti più spesse, più grandi e più ricche di gusto perché preparate con Farina integrale e gocce di cioccolato e cacao e cioccolato fondente.

Condividi il nostro gusto!